Origini e storia del Gran Suino Padano
Italiano English - Coming soon Pусский - Coming soon
LOGO - Home Page
Seguici anche su:  

Storia del Gran Suino Padano


Secoli di tecniche di allevamento e di passione umana
per creare il maiale più buono che c'è... il Gran Suino Padano


In origine, le razze suine con caratteristiche simili a quelle previste dall'attuale disciplinare del Gran Suino Padano sono nate nel territorio geografico della valle del Po.

In questa area geografica, particolarmente dedita alla produzione cerealicola, alle pratiche e agli usi tradizionali della lavorazione dei formaggi a pasta dura (come Grana Padano e Parmigiano Reggiano), l'allevamento del suino pesante si è legato indissolubilmente all'impiego dei cereali e dei sottoprodotti dell'industria molitoria e all'utilizzo del siero e del latticello dei caseifici.

I primi riferimenti bibliografici che riguardano razze suine simili alle attuali ammesse della disciplinare del Gran Suino Padano risalgono al 1584. In quell'anno Agostino Gallo - nobile latifondista bresciano - nella sua opera "Le venti giornate dell'Agricoltura et de Piaceri della Villa" cita un suino particolarmente grande e grosso e, non senza una certa ammirazione, riporta dettagli riguardo all'alimentazione, al tipo genetico, alla qualità delle sue carni:

"… si debbe tenere dei porci per ammazzarli grassi…ai quali si possono dare lavature di cucina, il brodo del latte, le ghiande di rovere, i frutti dei giardini, la diversità dell'erbe, le rape cotte con semola, e senza, la melica macinata o cotta, e il farinaccio dè pellizzari." E il Gallo continua: "…nò ogni porco è bono d'ingrassare; atteso che secondo la buona e cattiva natura anco più e meno grandi e grassi. Et però quando non si sa di chi siano nati, si piglino lunghi di schiena, di muso, di orecchie e che mangino assai…"

Infine il nobile esperto di vita agreste ne stabilisce le qualità merceologiche, indicando la bontà e la tenuta in cottura delle carni di questi animali, soprattutto degli esemplari maschi la cui carne è soda e non "sminuisce" nel cuocerla.

Altri riferimenti all'allevamento italiano di suini di grossa taglia risalgono al 1820, quando il veterinario dell'esercito piemontese scrive dei suini d'Italia i quali sono "robusti, fecondi, di buona bocca ed ingrassano facilmente, la loro carne è di un gusto squisitissimo ed allorquando manipolata si conserva molto tempo…pesano 24, 26 e perfino 30 rubli" (pari agli odierni 196, 212 e 245 chilogrammi).

La vocazione all'allevamento di determinate razze di suini nella pianura padana si è sviluppata per secoli, creando l'indotto di attività umane, industriali e commerciali necessarie a tutte le fasi di lavorazione del prodotto; consolidando nel tempo una cultura legata al suino pesante, al prosciutto crudo e ai salumi padani: sviluppando tecniche di allevamento e di lavorazione delle carni all'avanguardia nel mondo.

Sono in pianura padana la quasi totalità degli allevamenti suinicoli, le principali industrie di macellazione e di lavorazione delle carni e gli stabilimenti di stagionatura del prosciutto crudo e degli altri salumi. Sempre nell'area padana sono concentrati i principali mercati e le piazze commerciali di riferimento per i suini pesanti e per i tagli destinati alla trasformazione e al consumo fresco.
 
La filiera produttiva che è stata sviluppata - integrata tra attività di allevamento suinicolo, vocazione cerealicola e casearia e attività di trasformazione delle carni – è il frutto della tradizione del territorio e dell'esperienza umana, e costituisce oggi il punto di riferimento della produzione salumiera tutelata.
 

Qualità nutrizionali

Lo sai che la carne di maiale ha ottime qualità nutrizionali? Scoprile!
Qualità nutrizionali della carne di Giò

Il Club del maialino

Il Club del maialino
Registrati al Club del maialino di Giò per usufruire di promozioni e sconti speciali in negozio... Registrati!

I taglieri di Giò

I taglieri di Giò
Scopri tutti i gusti dei taglieri di Giò... Clicca qui!

Il maialino in franchising

Vuoi aprire "Il maialino di Giò"
nella tua città?

Per richiedere informazioni
sul nostro progetto di franchising clicca qui.

Il Maialino di Giò su: Facebook Google Plus
Sede e orari del locale

Piazza Pontida n.37, Bergamo
Guarda la mappa
Lunedì/Sabato: 10.00-22.00
Domenica/Festivi: 10.00-14.30
 
Tel: 035.215840
Fax: 035.4122042
Manda un E-Mail al locale
Contatta la Direzione

Il maialino di Giò - Direzione:

Tel: 0363.303481
Fax: 0363.49077

Per qualsiasi informazione
clicca qui.
Copyright © 2011 - Il maialino di Giò | Privacy Policy
Sito realizzato con DynDevice WCMS